Impresa familiare – Disciplina applicabile

FacebookTwitterShare

Ai sensi dell’art. 230-bis c.c., il collaboratore dell’impresa familiare ha diritto alla partecipazione agli utili ed ai beni acquistati con essi, nonché agli incrementi dell’azienda, anche in ordine all’avviamento, in proporzione alla quantità e qualità del lavoro prestato. Il diritto di partecipazione è intrasferibile e può essere liquidato in denaro alla cessazione, per qualsiasi causa, della prestazione di lavoro ed in caso di alienazione dell’azienda.
Dal punto di vista delle imposte sui redditi, la ris. Agenzia delle Entrate 28.4.2008 n. 176 ha chiarito che le somme percepite dal collaboratore familiare all’atto del recesso non configurano reddito per il collaboratore stesso, non rientrando in nessuna delle categorie reddituali del TUIR ma attenendo alla sfera personale del percipiente e dell’imprenditore piuttosto che a quella dei rapporti con l’Amministrazione finanziaria. Le somme erogate non costituiscono, pertanto, oneri deducibili dal reddito dell’impresa familiare, ma ripartizioni di utili, al pari di quanto avviene in costanza di rapporto.
Allo stesso modo, la plusvalenza derivante dalla cessione dell’impresa familiare è imputabile interamente in capo all’imprenditore, essendo quindi irrilevante per i collaboratori familiari. Ciò in quanto l’impresa familiare ha natura individuale e, quindi, è imprenditore unicamente il titolare dell’impresa (cfr. ris. Agenzia delle Entrate 31.8.2015 n. 78).

2 thoughts on “Impresa familiare – Disciplina applicabile

  1. Nel caso di estromissione di un fabbricato dall’impresa familiare e quindi di sottrazione di esso dal patrimonio, come può il collaboratore tutelarsi da questa perdita di valore della propria quota di partecipazione?

    1. L’operazione di estromissione comportando la fuoriuscita di un bene immobile strumentale dalla sfera imprenditoriale avrà un impatto straordinario sull’azienda in particolare sulla sua consistenza patrimoniale e necessiterebbe del voto favorevole dei familiari che potrebbero vedersi lesi nei propri diritti da tale esclusione. Nel caso di voto contrario, al fine di non limitare la libertà di azione dell’imprenditore e, allo stesso tempo, non incorrere in controversie legali con i familiari collaboratori, si potrebbe optare per la liquidazione, anche parziale, della quota del familiare collaboratore tenendo conto del valore dell’immobile oggetto di estromissione prima che venga posta in essere l’esclusione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>